Concerto di Maria Gabriella Mariani

Archivio di Stato - Associazione culturale Cypraea

16 febbaio 2017 - Concerti

gabriella mariani

Giovedì 16 febbraio alle ore 17,00

Programma

 Roberto De Simone,  2 Cadenze per il I e III tempo del Concerto Di Mozart per pianoforte e orchestra K466 (1947) – prima esecuzione assoluta a Salerno

 Fryderick Chopin, Sonata n. 3 Op. 58 (Allegro Maestoso, Scherzo: Molto Vivace, Largo, Finale - Presto non tanto – Agitato)

                                                                   ------------------

Fryderick Chopin, Sonata n. 2 Op. 35 (Grave – Doppio movimento, Scherzo, Marcia Funebre: Lento

Finale: Presto)

 Maria Gabriella Mariani, Ologramma. Tema, Variazioni e Improvviso finale (2015) - I esecuzione assoluta

MARIA GABRIELLA MARIANI

Poliedrica, passa con disinvoltura dalla composizione musicale a quella letteraria, dal pianismo concertistico alle improvvisazioni, spesso eseguite come “bis”, incoraggiata da Martha Argerich e da insigni musicisti stranieri che ravvisano in questa predisposizione un qualcosa di assai raro, che rivela l’intimo rapporto con il linguaggio musicale coltivato fin dall’età tre anni. “Artista dalla cifra distintiva complessa, molto apprezzata nell’esecuzione del repertorio” (L.Valente), debutta a 14 anni all’Aterforum di Rimini, impressionando la critica che la definì “giovanissima virtuosa dall’impostazione assai calibrata... dai caratteri tecnici e musicali assai rari” (A. Cavicchi). Dopo il Diploma con lode e menzione d’onore, esperienze formative in America e in Francia; a 18 anni l’incontro importante con Aldo Ciccolini con cui studia a Parigi e all’Accademia di Biella conseguendo il Diploma Superiore Triennale di Alto Perfezionamento con giudizio “eccellente”; per lui comporrà Pour jouer, ritratto in musica e unico brano esistente dedicato al Maestro, presentato con grande successo a Napoli il 29 aprile 2014 alla presenza delle maggiori istituzioni musicali partenopee: “Mi sono riconosciuto durante l’esecuzione di questo pezzo… un’esecuzione magistrale, che allo stesso tempo rivela una personalità davvero eccezionale, quella della Mariani, una Maestra con dei mezzi pianistici straordinari. Esprimo la mia emozione, tutta la mia commozione nel sentire questa opera sì monumentale dedicata a me. E’ il primo lavoro che mi è dedicato. E ne sono felice”. Lo spartito di Pour jouer è in procinto di uscire in Giappone per la Da Vinci Edition. Vincitrice di 16 concorsi nazionali e internazionali e di premi del Senato della Repubblica, tiene recitals per prestigiose associazioni e teatri; si è esibita in Francia, Belgio, Germania. In Spagna, in particolare, ha tenuto tournèes di musica sperimentale per il Ministerio de Cultura e per il Centro Difusión de la Música Contemporánea. Recentemente ha suonato a Salisburgo e prossimamente sarà a Kobe e Hosaka. Ha inciso per la RAI e per emittenti straniere e attualmente sta lavorando al progetto IMD Radio&Web per la pubblicazione di due album discografici su autori classici e su sue composizioni. Del 2004 e 2014 gli incontri con la Argerich che ne apprezza apertamente le doti musicali e tecniche: “Il suo modo di suonare è così vario, artistico, mai prevedibile, mi piace molto il suo Scarbo. Straordinarie le sue improvvisazioni”. Suoi concerti e lavori sono stati recensiti da “Musica”, “Amadeus”, “Donna Moderna”, “El Norte de Castilla”, “El Pais”, “Frankfurter Allgemeine Zeitung”. In Italia se ne sono occupati anche L. Ciammarughi, L. Segalla, A. Zignani e R. De Simone che ne ha scritto un saggio: “[...] La sua musica potrebbe considerare la possibilità di un’odierna creatività musicale.”  Proprio De Simone di recente le ha affidato le sue cadenze del ‘47 per il concerto K466 di Mozart nel Concerto Spettacolo “261 ma non li dimostra”, riproposte con grande successo al S. Pietro a Majella: “Ammiro molto la sua profonda conoscenza del linguaggio musicale; riesce a trascendere lo strumento del pianoforte rendendo appieno l’essenza del canto e l’idea della resa improvvisativa che mi ha animato nello scriverle, immedesimandomi in un Mozart che vi anticipa i temi del Don Giovanni”. Dal 2008 incrementa l’attività di compositrice eseguendo in prima assoluta sue musiche al Teatro San Carlo, Soc.Concerti Milano, Fondaz. Ravello, Radio Svizzera di Lugano, MozArt Box, Radio Classica| “Il Pianista”, Ambasciata Svedese| Fondaz. Axel Munthe, Conservatori di S. Pietro a Majella, S. Cecilia e Verdi di Milano. E’ autrice di libri di narrativa cui allega CD di sue composizioni in cui confluiscono echi dei suoi romanzi e racconti; tra questi Presenze (Sovera Multimedia), Consonanze imperfette (Zecchini) - pref. S.Valanzuolo, Riflessi. Storia di storie senza storia (Pironti) - pref. M.Giancaspro. Riflessi è anche l’ultimo CD (Bongiovanni) con presentazione di N. Cattò. I suoi libri e CD sono stati presentati in tutta Italia e in diversi store Feltrinelli. Altri tre lavori sono in via di pubblicazione. Laureata in Lettere con tesi su Schumann (pubbl. Ed. Gentile) e in Scienze Politiche ad ind. Economico Internazionale, ha collaborato con le Università di Salerno, Napoli, Firenze, Politecnica delle Marche e pubblicato scritti su musica e letteratura|arte|architettura (ESI, Alinea, La Scuola di Pitagora). Su invito dell’ Istituto di Fisica Nucleare di Napoli ha partecipato attivamente anche a ricerche su fisica quantistica e musica edite nel saggio On the Singularity Problem in Gravitational Physics and Music (Nova Science Publisher).